Zic č  l'Istituto Comprensivo di Zanica (BG)
La Scuola Primaria Statale Felice Moretti di Zanica

Il logo dello Zic - Istituto Comprensivo di Zanica

Sito dello Zic: www.iczanica.gov.it  

Tipo di programma

 

Linea verticale di separazione

Breve presentazione

Organizzazione

Elaboratore testi


Il giornale

Le News delle Quinte

Gli articoli

Pagine di sport

CARNEVALE

Cronache reali e no

Dall’infanzia alla primaria

Frammenti di storia

Gite

Incontro con gli esperti

La nostra pubblicità

L’angolo del relax

Scuola media arriviamo

 

LE NEWS DELLE QUINTE


Il programma delle classi quinte prevede, tra gli altri tipi di testo, quello argomentativo e il giornale.
In una prima fase i ragazzi hanno portato a scuola riviste e giornali (diverse testate) ed è stata eseguita una differenziazione tra settimanali, mensili e quotidiani. Il lavoro è proseguito con l’approfondimento dei quotidiani, quindi lo studio degli articoli di cronaca (rosa, bianca, nera, giudiziaria, …) con la struttura della prima pagina, l’importanza del titolo vero e proprio, del sommario e dell’occhiello. Gli alunni hanno potuto osservare la presenza della pubblicità e argomentato sulla sua funzione, hanno letto alcune cronache confrontando testate differenti.
Ai ragazzi delle tre quinte, riuniti insieme, è stata spiegata l’idea del giornalino che è stata accolta con entusiasmo. Sono stati, quindi, invitati a pensare a un titolo (testata)e scriverlo, in forma anonima, su un foglietto che l’insegnante ha raccolto e dal quale è emerso che la maggioranza ha scelto: “Le news delle quinte”.
In ogni classe si è formata una <redazione>, i ragazzi sono diventati < giornalisti> e sono stati invitati a scrivere la cronaca di avvenimenti significativi che accadevano a scuola, nel territorio o che li coinvolgeva emotivamente e magari corredarli di qualche foto. Si è voluto dare autonomia ai ragazzi lasciandoli liberi di formare i gruppi di lavoro, naturalmente l’insegnante ha posto delle regole e attenzione nel monitorare l’equilibrio dei gruppi formati e la partecipazione di tutti, anche con piccoli compiti.
Dopo la stesura della cronaca, la riscrivevano al computer e la consegnavano in chiavetta all’insegnante la quale si occupava della correzione, dell’impaginazione e della suddivisione delle cronache dei ragazzi. D’accordo con gli alunni, le firme delle cronache prevedono solo le iniziali dei <giornalisti> coinvolti. Come si può notare i ragazzi hanno scritto molto anche perché è stato un anno ricco di eventi cui hanno partecipato.
 
Pagine di sport

Le cronache sportive parlano di quattro eventi:
Il baseball che, ha visto la presenza di un esperto del settore, grazie al progetto “Sport in prova”, che da anni consente agli alunni di conoscere vari sport e avere quindi, un’ampia gamma di attività sportive tra cui scegliere.
Tennis in carrozzina, sempre attraverso il progetto “Sport in prova” i ragazzi hanno potuto assistere e partecipare a una partita di tennis diversa, infatti hanno giocato a tennis seduti su una carrozzina con quattro persone diversamente abili. Alla fine della partita hanno riflettuto insieme sulle cause, le fatiche della disabilità e sulla determinazione che ha aiutato queste persone a rimettersi in gioco.
Foppapedretti VS, quest’articolo è stato scritto da un’alunna di quinta che ha voluto raccontare la cronaca della partita di pallavolo che aveva giocato e vinto.
Torneo di Cesenatico. Questo torneo, svoltosi a Cesenatico, ha visto la partecipazione e la vittoria di ragazzi delle tre quinte che giocano a calcio. E’ stato un grande evento e quindi meritevole di apparire nel loro giornalino scolastico.

CARNEVALE

Gli articoli raccolti sotto questo titolo raccontano il vissuto della festa di carnevale a Zanica.

Cronache reali e no

Molte sono le pagine di cronache reali, quindi di fatti realmente accaduti, osservati o direttamente vissuti dai ragazzi, come “L’incidente a una bambina, Litigi nell’intervallo, Ci sono i fantasmi a scuola?, L’attentato a Manchester” e così via. Altri sono di pura invenzione come “Le quinte vanno a Torino per una settimana”.

Dall’infanzia alla primaria

In queste pagine gli alunni raccontano il loro coinvolgimento nelle attività che hanno preparato, insieme alle insegnanti, per l’accoglienza dei bambini dell’infanzia.
L’Open Day di gennaio, ha visto i ragazzi coinvolti nelle attività di preparazione, allestimento dei laboratori, la partecipazione straordinaria di alcuni di loro il sabato per la spiegazione delle attività svolte. Gli alunni hanno eseguito tutto questo in modo eccellente, tanto da ricevere i complimenti, in tutti i laboratori, da parte dei genitori presenti all’Open day.
La prima accoglienza, inoltre, dei bambini dell’infanzia di Zanica e dei paesi limitrofi con la guida di due classi quinte, che li hanno accompagnati nella scoperta della scuola, attraverso un percorso che prevedeva attività laboratoriali descritte nelle cronache.
Un altro incontro con i piccoli ha visto coinvolta l’altra classe quinta con la drammatizzazione della storia di “Pezzettino”, un piccolo pezzo di puzzle alla ricerca della propria identità.

Frammenti di storia

Gli articoli di quest’unità fanno riferimento alla visita degli alunni alla Mostra, realizzata nella scuola, da parte dell’associazione di Zanica Frammenti di Storia.
L’associazione si propone di contribuire, attraverso la raccolta e la divulgazione di vari oggetti raccolti negli anni, alla ricostruzione della storia nella bergamasca.

Gite

La prima uscita didattica delle quinte ha riguardato un percorso d’arte presso la GAMEC (galleria d’arte moderna e contemporanea) alla scoperta delle opere dell’artista Michelangelo Pistoletto, cui ha fatto seguito un progetto a scuola con un’esperta.
Altre due uscite didattiche, hanno preso spunto dalla programmazione di religione cui le insegnanti hanno dato un’impronta artistica, in modo da far conoscere le meravigliose opere d’arte presenti nel Museo della chiesa parrocchiale e la maestosa Macchina del Triduo. Hanno partecipato all’uscita anche la maggior parte dei bambini di alternativa, previo consenso scritto dei genitori. Per queste uscite si è chiesta l’autorizzazione al parroco e la collaborazione di due guide (volontarie e gratuite) che fanno parte dell’associazione Arte e Storia. La visita alla macchina del Triduo ha visto anche la gradita presenza del parroco che ha illustrato personalmente il preziosissimo Ostensorio. Gita al Museo della scienza e della tecnica di Milano e al Planetario. Quest’uscita ha avuto un’impronta scientifica con la partecipazione a due laboratori al Museo: quello dell’energia e quello della luce. Al Planetario gli alunni hanno potuto assistere allo <spettacolo> del cielo stellato senza la presenza d’inquinamento atmosferico.

Incontro con gli esperti

Il primo incontro con un’esperta quest’anno gli alunni l’hanno avuto in collaborazione con la Gamec nell’ambito del progetto: “Il museo entra a scuola”.
Questo progetto partendo dall’osservazione delle opere d’arte moderna e contemporanea (M. Pistoletto), ha associato un percorso laboratoriale sull’identità “Arte d’Identità". In questi laboratori gli alunni hanno realizzato, con tecniche e materiali diversi, ritratti e autoritratti ispirati allo stile di artisti come Picasso, Magritte, Warhol. Le tipologie sperimentate sono state: il ritratto cubista, l’autoritratto astratto e il ritratto pop, messi di volta in volta in relazione con il carattere di ciascuno.
Un esperto inaspettato ha fatto una piacevole sorpresa alla quinta c.
E’ il nonno di un alunno l’autore del libro: ”La capanna dell’anima”. Ai ragazzi ha letto due brani uno sull’importanza di leggere e dei libri e l’altro sull’affetto e l’amicizia tra nonni e nipoti. Ha, inoltre, messo a disposizione alcuni libri per dare la possibilità ai ragazzi di leggere altri brani.
L’altro esperto entrato a scuola è stato Virgilio che, ormai da più anni, mostra e fa partecipare gli alunni a degli esperimenti scientifici che fanno riferimento alla programmazione delle classi. Queste attività suscitano sempre l’interesse e l’entusiasmo degli alunni.

La nostra pubblicità

Per essere coerenti con i quotidiani osservati in precedenza, gli alunni hanno creato delle piccole pubblicità con cui abbellire il loro giornalino. La maggioranza ha voluto pubblicizzare la scuola, altri alcuni prodotti.

L’angolo del relax

Il giornalino delle quinte, come alcune pagine dei quotidiani, riporta giochi, poesie particolari, indovinelli, e così via.
In quest’unità sono riportate anche delle notizie in rumeno (con la traduzione) da parte di un alunno arrivato quest’anno dalla Romania, dei nomi in cinese, data la presenza, durante alcune lezioni, di una laureanda in lingue e alcune filastrocche in bergamasco.

Scuola media arriviamo

Gli alunni di quinta hanno fatto la cronaca del percorso di familiarizzazione con la scuola secondaria di primo grado. Hanno raccontato della bella accoglienza ricevuta, della visita agli ambienti della scuola e delle attività svolte nelle classi durante il primo incontro. Nel secondo incontro una classe delle medie si è recata alla scuola primaria, dove i ragazzi suddivisi in tre gruppi sono stati intervistati dagli alunni di quinta. L’attività è poi proseguita con un gioco riguardante le conoscenze geografiche.

Ambito di realizzazione:

Scuola Primaria di Zanica, extrascuola, biblioteca.

Classi:

quinte A – B - C
Tutta la classe a partire da gennaio fino alla fine dell'anno durante le ore di lingua italiana.

Orari:

durante le ore di lingua e nell’extrascuola

Docenti:

Insegnante Azzariti in collaborazione con insegnante Aprile per gli elaborati della quinta B.

Modalità:

lavoro in piccoli gruppi (cooperative learning) e, talvolta individuale.

anno 2016-17

Sviluppo e realizzazione I componenti dello ZIC group